Marbella

Marbella è conosciuta per il lusso, le feste e la spiaggia, ma è molto di più….e  nasconde profondi valori. Il centro storico della città, uno dei più belli di Andalucia, custodisce i vestigi degli abitanti che dalla preistoria hanno goduto del suo bellissimo paesaggio e della sua ricchezza naturale.

  • Sullo sfondo di Sierra Blanca, la città è cresciuta intorno a un piccolo altopiano che oggi è occupato da un impressionante castello costruito nei primi secoli della presenza musulmana nel al-Andalus. Si utilizzarono grandi conci  pietrosi e capitelli di un grande edificio romano che si ergeva nello stesso luogo. Possiamo visitare i suoi interni e poi continuare per le stradine… Il suo cuore è la Piazza degli Aranci, in cui fu costruito l’edificio del comune, la Casa del Corregidor, con la sua preziosa facciata del secolo  XVI, o la piccola chiesa di Santiago. Molto vicino si trova la chiesa maggiore di Encarnación, con portale roccocò ed interni neoclassici.  
  • Nell’ Ospedale Bazán, un bellissimo edificio tardogotico, si trova la sede del Museo delle Incisioni Spagnole Contemporanee, con una ricca collezione, situata vicino ai resti di un convento trinitario. È di dovere citare anche la cappella di San Juan de Dios, con il suo soffitto a cassettoni in stile mudéjar. Nelle stradine vicine si trovano pittoreschi angoli con edificazioni civili e religiose.
  • La città si apre al Mediterraneo dall’Alameda e dalla Avenida del Mar, con statue di Salvador Dalí, che ci conducono al lungomare e al Porto Sportivo.
  • E da lì, se si desidera, possiamo anche muoverci a Puerto Banús per ammirare il suo lusso. Sulla strada, di fronte a Hotel Puente Romano si può vedere esteriormente la Moschea costruita dal re Abdelaziz di Arabia Saudita.

 

Castillo Iglesia mayor de la Encarnación